Avvisi

Avvisi (11)

Sono stati resi noti  i risultati delle elezioni del 17, 18, 19 aprile 2018 delle Rappresentanze Sindacali Unitarie -RSU del personale tecnico amministrativo di Unimore. Ha votato il 74,03 percento degli aventi diritto (496 votanti), 482 le schede valide, 8 bianche, 6 nulle.
Apr 19, 2018
Giornata di festa  giovedì 12 aprile 2018  al  DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” –  di Unimore, dove hanno  tagliato contemporaneamente il traguardo ben 193 studenti  che hanno portato positivamente a termine il proprio percorso di studio. Accanto a loro, come da tradizione, a rallegrarsi per questo risultato c’erano famigliari ed amici che per tutta la giornata hanno invaso il Campus del DIEF. I laureandi di questa sessione, una tra le più numerose della storia della ingegneria modenese, erano 53 triennali e 140 magistrali così distribuiti: -        Ingegneria Civile  43, di cui 11 triennali e 32 magistrali; -        Ingegneria Ambientale  23, di cui 7 triennali e 16 magistrali; -        Ingegneria Informatica  21, di cui 8 triennali e 13 magistrali; -        Ingegneria Elettronica  19, di cui 8 triennali e11 magistrali; -        Ingegneria dei Materiali  11, tutti magistrali; -        Ingegneria Meccanica  34, di cui 18 triennali e 15 magistrali e una vecchio ordinamento; -        Ingegneria del Veicolo  42 laureandi magistrali.  “Sono particolarmente soddisfatto dei risultati fin qui conseguiti dal nostro Dipartimento, non solo in termini di numeri, ma anche di qualità dei lavori di tesi svolte - commenta il Direttore del DIEF prof. Alessandro Capra -, la gran parte delle quali derivano da problemi concreti posti da aziende del territorio presso le quali numerosi nostri tesisti hanno avuto modo di svolgere il proprio stage. Nella nostra attività di docenti ci sostiene la soddisfazione di avere ancora una volta concorso alla formazione di valide schiere di neo-ingegneri, che potranno dare un contributo significativo ad accelerare quei processi di innovazione tanto necessari alla ripresa della produzione industriale ed alla economia dei nostri territori e del Paese. Questo è infatti l’obiettivo del nostro Dipartimento che attraverso l’aggiornamento costante dei suoi curricula, confrontati periodicamente nei comitati di indirizzo, dove sono presenti qualificati rappresentanti del sistema economico, si propone di coniugare a livello didattico professionalità ed occupabilità, come dimostrano eloquentemente le ricerche di AlmaLaurea sui nostri laureati, i quali trovano quasi immediatamente tutti quanti lavoro”.  Oggi il DIEF è la più numerosa realtà accademica di Unimore coi suoi 4.154 iscritti ai 13 corsi di laurea istituiti (+ 16,95% rispetto all’anno scorso). Il contributo reso al territorio è testimoniato dagli oltre 500 laureati e dottorati che ogni anno escono dalle sue aule e dai suoi laboratori.
Apr 13, 2018
È possibile delineare una metodologia di ricerca valutativa dei servizi sociali in grado di coglierne la dimensione processuale, come occasione di apprendimento continuo in termini di policy making? A questa domanda la dott.ssa Eleonora Costantini cercherà di dare risposta in occasione del nuovo appuntamento del ciclo di Seminari di Economia Politica del Dipartimento di Economia Marco Biagi di Unimore. L’incontro, che si terrà martedì 10 aprile 2018 alle ore 14.15 presso l’Aula  Seminari  del Dipartimento di Economia Marco Biagi (via Berengario 51 – ala ovest) a Modena, sarà dedicato al tema “ Verso una valutazione di processo dei servizi sociali. Cosa ci insegnano le migrazioni contemporanee? " “Una prestazione di assistenza sociale  - afferma la dott.ssa Eleonora Costantini di Unimore - è l’esito del processo di valutazione effettuato da un professionista, attraverso la relazione che costruisce con il singolo utente portatore di bisogno; si caratterizza dunque per la presenza dell’utente come parte integrante e attiva del processo, che concorre alla costruzione della prestazione stessa, fermo restando il piano di coordinamento ossia i vincoli normativi ed economici di portata nazionale e locale. A questo va aggiunto, che la competenza di chi deve erogare la prestazione rappresenta un fattore di produzione specifico del processo. A seguito delle riforme degli anni Duemila, con la legittimazione del welfare mix, il processo di erogazione dei servizi si è andato caratterizzando per una separazione tra responsabilità sul soddisfacimento del bisogno (in capo alla PA) e responsabilità di gestione del servizio (in capo a gestori terzi), diventando il contratto un dispositivo di messa in opera delle politiche. La proposta di ricerca muove da quesiti di natura teorica e propone un approccio valutativo di processo, utilizzando le politiche rivolte all’immigrazione in Italia. Analizzare, infatti, il modo in cui un sistema di welfare tratta i bisogni sociali derivanti dai flussi migratori aiuta a comprenderne tratti distintivi e i caratteri specifici del suo funzionamento. L’analisi riguarda in modo comparato i nove comuni capoluogo della Regione Emilia-Romagna e formula un indice sintetico di integrazione tra i diversi interventi messi in campo”.
Apr 05, 2018
Nell’ambito delle attività culturali organizzate dall’Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti di Modena, venerdì 13 aprile alle ore 15.30, si terrà la presentazione del volume del prof. Massimo Jasonni “Agonismo costituzionale – Agonia della politica e altri saggi”, di edizioni Il Ponte. Dopo i saluti del prof. Salvatore Puliatti, Presidente della Sezione di Scienze Morali Giuridiche e Sociali dell’Accademia, Dino Cocchianella, dottore di ricerca in Diritto canonico ed ecclesiastico e il prof. Elio Tavilla, ordinario di Storia del diritto medievale e moderno di Unimore discuteranno con l’autore del libro.
Apr 11, 2018
L'InformaStudenti della sede di Modena resterà chiuso dal 16 al 20 aprile 2018. Per informazioni rivolgersi all'InformaStudenti della sede di Reggio Emilia (http://www.orientamento.unimore.it/site/home/orientamento-allo-studio-e-tutorato/informastudenti.html
Apr 12, 2018
Prosegue la serie di conferenze del ciclo “I mercoledi del Polo Museale” con l’incontro   “ Una camera delle meraviglie settecentesca. La Collezione di Lazzaro Spallanzani ai Musei Civici di Reggio Emilia ”, a cura di Silvia Chicchi, responsabile delle collezioni naturalistiche dei Musei Civici di Reggio Emilia. L’appuntamento è per mercoledi 11 aprile, alle ore 17.00, nell’aula II (al piano terra) del Palazzo del Rettorato (via Università 4, Modena). La conferenza, che verrà introdotta dalla prof.ssa Elena Corradini, diretttice del Polo Museale, è stata organizzata in collaborazione con la Società dei Naturalisti e Matematici e con l’Associazione Cultura e Vita. Lo scienziato Lazzaro Spallanzani (1729-1799), che nella seconda metà del’700 contribuì al passaggio dalla Filosofia naturale alle moderne scienze, applicando alle sue ricerche un metodo rigorosamente sperimentale, aveva allestito nella propria residenza di Scandiano una collezione naturalistica privata, frutto di acquisti, scambi e delle raccolte effettuate durante i numerosi viaggi. Alla sua morte la collezione fu acquistata dal Municipio di Reggio Emilia e, mantenuta integra nel corso di due secoli, è dal 1830 ospitata nel Palazzo dei Musei. E' una vasta raccolta che riflette la varietà di interessi dello scienziato, dedito ad osservazioni e ricerche nei campi più diversi della storia naturale. Originariamente distribuita nelle stanze di casa Spallanzani essa riflette il duplice carattere di documento scientifico e di arredo elegante e curioso: la presenza di numerosi oggetti artistici e manufatti in cui l'interesse per il materiale naturale si coniuga ad una funzione decorativa e di arredo costituisce un richiamo alle Wunderkammern, da cui il museo naturalistico trae le sue origini.
Apr 09, 2018
Licenza Creative Commons
I video pubblicati su questo portale sono di proprietà dell'Università di Modena e Reggio Emilia e la proprietà intellettuale è dei relatori ed autori. Tuttavia il materiale può essere utilizzato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Ossia ne è consentito l'uso citando l'Università di Modena e Reggio Emilia, il relatore, l'evento e il Centro Interateneo Edunova come produttore dell'opera, per scopi non commerciali e purchè siano condivisi mantenendo la stessa licenza Creative Commons. Ogni altro uso non è consentito.
Go to top
Template by JoomlaShine