Dic 26, 2018

La registrazione dell'Assemblea di Ateneo su tv.unimore.it

La registrazione dell'Assemblea di Ateneo di Unimore di mercoledì 19 dicembre, con gli interventi del Magnifico Rettore Angelo O. Andrisano, del prof. Marco Sola, delegato del Rettore per la Didattica, della prof.ssa Maria Cristina Menziani per la relazione annuale del Nucleo di Valutazione, del prof. Sergio Valeri, delegato del Rettore per la Ricerca e del prof. Massimo Milani per la Terza Missione è disponibile su tv.unimore.it

L’intervento del Rettore Andrisano si è sviluppato intorno a cinque tematiche principali: gli accordi con le istituzioni, le Fondazioni, le eccellenze dell’Ateneo di Modena e Reggio Emilia, i rapporti con la CRUI, per concludere con un richiamo alle attività realizzate in questi anni per dare sempre maggiore visibilità all’Ateneo.

Il prof. Sola nel suo intervento ha detto che “Unimore continua ad ampliare l’offerta formativa, sfruttando al massimo le opportunità concesse dalle normative ministeriali in materia. Verrà infatti proposta al MIUR l’attivazione di quattro nuovi CdS. Due sono lauree triennali con sede a Reggio Emilia che rispondono a nuove necessità formative nell’era della trasformazione digitale, con particolare riferimento ai modelli di business e gestione aziendale e ai modelli educativi. Nella fattispecie si tratta rispettivamente della laurea in “Digital Marketing” e "Digital Education and Lifelong Learning”. Inoltre, viene proposta una laurea magistrale interclasse in “Ingegneria Civile e Ambientale”, che accorpa e sostituisce le esistenti magistrali in Ingegneria per la Sostenibilità Ambientale e in Ingegneria Civile. Nell’area di Scienze viene presentata all’approvazione ministeriale la laurea magistrale in Scienze for Education: Didattica e Comunicazione delle Scienze, dedicata in modo particolare a formare i futuri insegnanti di Scienze nella Scuola Secondaria di Secondo grado. Inoltre, se i vincoli ministeriali (peraltro in corso di modifica e per i quali si attende l’emanazione del relativo decreto) lo permetteranno, verrà proposta la laurea triennale a orientamento professionale “Costruzioni e gestione del territorio”, dedicata specificamente alla formazione dei futuri geometri per i quali la normativa europea prevede il possesso di una laurea (almeno) triennale per l’esercizio della professione.

L’Ateneo sta mettendo in campo tutte le sue forze per aggiornare ed espandere l'offerta di corsi di studio in modo da rispondere tempestivamente e anzi anticipare i mutamenti in atto nelle figure specialistiche necessarie in una società in continua evoluzione. Per fare questo deve dare fondo a tutte le risorse umane e strutturali di cui dispone, in un quadro di massima razionalizzazione della docenza e delle strutture didattiche”.

La prof.ssa Menziani ha di seguito presentato la relazione annuale del Nucleo di valutazione, che fornisce un’analisi critica del sistema di assicurazione della qualità di Ateneo, articolandola secondo i requisiti definiti dall’ Anvur per l’accreditamento periodico delle sedi. Particolare enfasi è stata data alle raccomandazioni che scaturiscono dall’analisi degli indicatori di performance dei corsi di studio e dal confronto dei risultati con quelli di atenei appartenenti all’area geografica di riferimento. Inoltre è stata illustrata la metodologia utilizzata per la definizione ed analisi degli indicatori bibliometrici e non bibliometrici per il monitoraggio e valutazione della ricerca dipartimentale, nonché della loro contestualizzazione in termini di potenziale di ricerca e finanziamenti.

Nel suo intervento il prof. Valeri, delegato per la ricerca di Ateneo, ha inizialmente richiamato i punti essenziali della relazione di riesame del Piano Integrato 2018-20 per la ricerca, con particolare attenzione alla crescita quantitativa e qualitativa della capacità progettuale dell’ateneo. Questo riesame orienterà in parte obiettivi ed azioni del Piano Integrato 2019-21 attualmente in preparazione. Il Fondo per la Ricerca di Ateneo (FAR) 2019 è uno dei principali strumenti su cui fare leva per l’attuazione degli obiettivi del nuovo Piano Integrato, e quindi il prof. Valeri nella seconda parte del suo intervento ha presentato alcuni primi orientamenti per la strutturazione dei bandi attuativi del FAR2019, proponendoli all’attenzione dell’Ateneo tutto per una prima fase di valutazione e commenti e proposte. Su questo sarà possibile poi costruire una proposta più avanzata e più condivisa da sottoporre agli organi dell’Ateneo per le delibere di loro competenza. Sono state anche presentate e discusse alcune proposte su azioni di sostegno alla ricerca non inquadrate nel FAR, in particolare la proposta relativa alla assunzione di Ricercatori di tipo a.

“L’attività di Terza Missione di Unimore – ha raccontato nell’intervento conclusivo il prof. Milani - è proseguita con intensità nel 2018, confermando la capacità del nostro ateneo di dialogare in tante forme (ricerca collaborativa, spin-off universitari, trial clinici, per ricordarne solo alcune) con le istituzioni e gli attori di importanti settori dell’economia e della società. Il 2018 è stato, in particolare, il primo anno in cui è stato possibile mappare in modo preciso il vastissimo lavoro svolto dai nostri dipartimenti nel public engagement, ovvero in quell’insieme di attività che comprende incontri divulgativi e di coinvolgimento, seminari, eventi aperti alla cittadinanza e che hanno lo scopo di comunicare la scienza e di diffondere i risultati più rilevanti prodotti nei nostri centri di ricerca. Per rendere più stretto il legame tra università e territorio, negli ultimi 4 anni sono stati più di 2.500 gli eventi di public engagement organizzati da Unimore o che hanno visto impegnato suo personale docente e tecnico-amministrativo, con più di 200 soggetti partner coinvolti. A questo si aggiungono le tante iniziative, svolte nel 2018, a sostegno dello sviluppo della imprenditorialità di giovani ricercatori e studenti. Rendere l’Ateneo sempre più aperto e sempre più integrato con il mondo esterno: questo è l’obiettivo che ci si pone anche per il prossimo anno”.

Categorie: avvisi, newsletter

Licenza Creative Commons
I video pubblicati su questo portale sono di proprietà dell'Università di Modena e Reggio Emilia e la proprietà intellettuale è dei relatori ed autori. Tuttavia il materiale può essere utilizzato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Ossia ne è consentito l'uso citando l'Università di Modena e Reggio Emilia, il relatore, l'evento e il Centro Interateneo Edunova come produttore dell'opera, per scopi non commerciali e purchè siano condivisi mantenendo la stessa licenza Creative Commons. Ogni altro uso non è consentito.
Go to top
Template by JoomlaShine