Set 10, 2018

Il Polo Museale Unimore inaugura una mostra in occasione del Festival della Filosofia, il 14 settembre

In occasione del Festival Filosofia 2018 il Polo Museale di Unimore con il patrocinio di ICOM e UMAC presenta la mostra dell’artistaCarlo Benvenuto (Stresa, 1966), Gare de Moi, la follia della verità.

Promossa in collaborazione con la Galleria Mazzoli di Modena, a cura di Chiara Ianeselli, dottoranda in Analysis and Management of Cultural Heritage presso l’IMT di Lucca e con la consulenza scientifica di Elena Corradini, docente di Museologia e Restauro di Unimore e direttore del Polo Museale dell’Ateneo, la mostra sarà allestita presso lo spazio del Teatro Anatomico (v. Berengario) a Modena.

La mostra sarà inaugurata venerdì 14settembre, alle ore 19.00, alla presenza del Rettore Unimore prof. Angelo O. Andrisano, di Carlo Benvenuto, Chiara Ianeselli, Elena Corradini ed Emilio Mazzoli. Per le tre giornate del Festival sarà aperta al pubblico il venerdì e il sabato dalle 9.00 alle 23.00 e la domenica dalle 9.00 alle 21.00.

Le opere presentate inGare de Moi - ha spiegato la prof.ssa Elena Corradini - sono concepite appositamente per il Teatro Anatomico. Disposte nei gangli e nelle stanze adiacenti la sala centrale intendono condurre il visitatore nelle varie strutture funzionali dell’articolato edificio. Questo spazio storico ha ispirato l’allestimento della mostra, favorendo l’esaltazione del carattere fisico delle opere esposte. Esse, principalmente fotografiche, sono prive di ogni intervento digitale: Benvenuto, lavorando con la verità del negativo tradizionale, appartiene romanticamente all’ “armata di un regno che muore”. Le opere esposte immortalano, fermano la vita, ma non la rappresentano. Totalmente libere dal carattere illustrativo o storicizzante, intendono piuttosto sollevare la realtà per scoprire il dentro dei corpi, il dentro delle cose, nel luogo, par excellence, deputato all’ispezione. Tuttavia Benvenuto guarda dentro, attraverso la maniacale ossessione di carattere pittorico per la superficie degli oggetti, davanti alla quale fermarsi: nessun taglio, nessuna sottrazione alla realtà”.

Da George de La Tour fino a Richter, passando per il Realismo Magico, la fioca e calda luce di una candela è stata utilizzata come sorgente e ispirazione per effetti di intensa suggestione. Qui il sottile cilindro di cera è colto in piena luce diurna: ritta su una tovaglia bianca la candela si libera dalla sua funzione. Una riga verticale, bianca che divide lo spazio, un’ombra appena accennata che ci ricorda la sua materialità, il suo peso, la sua concretezza. Il fuoco sempre acceso, senza mai illuminare e mai consumare. Le opere immortalano, preservano, proteggono il nostro intimo mondo con un malinconico “per sempre”. Indagano ugualmente sull’ambiguità tra vero e verità percepita le sette sculture in vetro di Murano. Apparentemente bicchieri colmi d’acqua fino all’orlo sparsi nella cavea del teatro, come dimenticati alla fine della prima dissezione tenutasi nel teatro il 23 gennaio 1775, o magari dopo l’ultima, nel 1985, si rivelano invece essere sette solidi, sette sassi di vetro trasparentissimo. Il progetto Gare de Moi è parte di Les Gares, una ricerca a cura di Chiara Ianeselli focalizzata sulla valorizzazione dei teatri anatomici. Gare de Moi segue le mostre realizzate nel Teatro Anatomico de Waag di Amsterdam (Gare du Nord, 2015), nel Teatro Anatomico dell’Archiginnasio di Bologna (Gare du Sud, 2015/2016) e presso il Teatro Anatomico di Padova (Gare de l’Est, 2016/2017). Questa ricerca ha reso possibile la collaborazione con diversi enti museali e collezioni, tra cui il Museo Anatomico Vrolik (Amsterdam) e la Collezione Palazzo Albizzini Fondazione Burri.

Dopo il festival la mostra sarà visitabile fino al 31 dicembre su appuntamento (tel. 059 2056973).

Categorie: avvisi, newsletter

Licenza Creative Commons
I video pubblicati su questo portale sono di proprietà dell'Università di Modena e Reggio Emilia e la proprietà intellettuale è dei relatori ed autori. Tuttavia il materiale può essere utilizzato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Ossia ne è consentito l'uso citando l'Università di Modena e Reggio Emilia, il relatore, l'evento e il Centro Interateneo Edunova come produttore dell'opera, per scopi non commerciali e purchè siano condivisi mantenendo la stessa licenza Creative Commons. Ogni altro uso non è consentito.
Go to top
Template by JoomlaShine